La Repubblica Popolare Cinese compie 65 anni!

884f7263jw1ekvbx2akdrj20sg0e9k2a生日快乐!!! Buon compleanno Cina, oggi compi 65 anni!! È passato molto tempo da quella volta che Mao Tse-tung, da porta Qianmen a Pechino, proclamò appunto la nascita della Repubblica Popolare Cinese il 1° ottobre 1949.

Cari amici lettori, in tutta la Cina, eccetto per gli abitanti che stanno protestando ad Hong Kong come potete immaginare, è Festa Nazionale o “Guo qing jie 国庆节”, come la chiamano i cinesi.  Sessantacinque anni fa il leader del Partito Comunista Cinese Mao Tse-tung sconfisse le forze nazionaliste del KuomThis file photo dated 01 October 1949 shows Mao Zeintang di Chang Kai Shek che si rifugiarono nell’isola di Formosa, ora Taiwan. Dalla Porta Qianmen, la porta del Sud Esatto, il centro del lato meridionale di Piazza Tienanmen, un tempo parte integrante delle mura della città interna dove l’Imperatore usciva verso il Tempio del Cielo, il nuovo governo aveva l’arduo compito di ricostruire una nazione uscita in frantumi da oltre vent’anni di guerra civile. Molte cose sono successe, nuovi eventi, la geopolitica è cambiata come anche gli attori della scena internazionale; e la Cina, dal canto suo, è uno di questi. Il nome stesso scritto in cinese 中国 Zhong Guo significa La Terra dGreat_Wal_at_Mutianyui Mezzo o Paese del Mezzo, il centro del mondo; a indicare indirettamente la volontà di un ruolo centrale nel contesto mondiale. Dopo anni e anni di guerre civili, di soprusi, di dominazione straniera, anche la Cina vuole avere la sua parte all’interno del puzzle geo-strategico e politico-economico mondiale. In 65 anni eventi come il “Grande Balzo in avanti” (il piano economico e sociale praticato dal 1958 al 1960 per riformare rapidamente il paese, trasformando il sistema economico rurale, fino ad allora basato sull’agricoltura, in una moderna e industrializzata società comunista caratterizzata anche dalla collettivizzazione), le quattro modernizzazioni, l’arresto della Banda dei Quattro, Tiananmen_beijing_Panoramagli episodi di Piazza Tienanmen e la più recente nascita dell’economia socialista di mercato hanno trasformato radicalmente non solo la Cina inteso come Paese che opera nel mondo, ma anche la sua popolazione, i cinesi stessi. In meglio o in peggio? È difficile dirlo, c’è chi vede un mostro senza libertà di nessun tipo quando guarda negli occhi un cittadino cinese (la maggior parte), c’è chi vede opportunità in questa terra piena di contraddizioni ma anche di persone, luoghi e culture estremamente diverse da quelle che siamo abituati a vedere, che tanto hanno da insegnare. E ancora, chi la associa solamente all’inquinamento, al caos delle città superaffollate, mettendo a dura lo spirito di adattamento. Ma è giusto che sia così, perché è solo così, riadattandoci a una realtà per molti versi spiazzante, che si può provare a capire qualcosa di quanto stiamo vivendo e a comprendere lo spirito di un popolo pieno di contraddizioni, a cavallo fra incredibili semplicità e inarrivabili complessità.

Buon compleanno Cina!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...